• Perché le pagine di un libro sono come le vele per un vascello, e "nessun vascello c'è che, come un libro, possa portarci in contrade lontane"
    (Emily Dickinson)
  • 3.6.13
    Dopo la notizia della riesumazione del corpo proseguono le novità sulla morte del poeta.

    Già a febbraio in un post su questo blog e sulle testate giornalistiche di tutto il mondo era circolata la notizia della riapertura del caso della morte di Pablo Neruda. Oggi, a distanza di qualche mese e con l'esame autoptico ancora in corso negli Stati Uniti, ecco le prime novità investigative. E' di queste ore la notizia che la procura avrebbe individuato l'assassino del poeta e avrebbe emanato un ordine di cattura. Sembra infatti che le indagini stiano confermando sempre più l'ipotesi, fortemente sostenuta dal partito che ha fortemente voluto la riapertura del caso, che Neruda non sia morto di cancro alla prostata, ma sia stata deliberatemente eliminato. Il mandante sarebbe il regime di Pinochet, che il poeta criticava pubblicamente.

    Secondo quanto sta emergendo in queste ore, il medico ufficiale di Neruda ha tracciato un identikit di un medico, il "dottor Price" che avrebbe avvicinato Neruda mentre era in ospedale, poco prima della morte. L'autista del premio Nobel, parte attiva in questa fase, avrebbe riconosciuto l'uomo che alla fine si è rivelato essere un agente della CIA, Michael Townley: Townley su ordine di Pinochet, si sarebbe introdotto nella clinica Santa Maria di Santiago e avrebbe praticato al poeta un'iniezione letale.
    L'agente della CIA, che al momento vive negli Stati Uniti sotto protezione, non sarebbe l'unico coinvolto nella morte: l'autista di Neruda ha promesso infatti di dare nuove rivelazioni nei prossimi giorni. Attendiamo!

    È presente 1 commento

    Anonimo ha detto...

    E vanno a fare l'esame autopico ... negli Stati Uniti!

    Inserisci un commento



    ___________________________________________________________________________________________
    Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
    Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
    Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa